5 ERRORI COMUNI NELLA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN

by BPlan Center, August 03, 2017



Di seguito riportiamo i 5 errori più comuni che vengono commessi nella redazione di un business plan:

 

Presentazione del progetto poco chiara: la sintesi dell’idea imprenditoriale è una delle parti più importanti, perché rappresenta il “biglietto da visita” con il quale ci presenteremo dinanzi ai potenziali investitori e la prima sezione del documento che verrà letta dagli stessi. Infatti, molto spesso, i potenziali investitori, avendo poco tempo a disposizione, procedono alla lettura dell’intero business plan solo se la prima parte dello stesso li ha convinti. Per tale ragione, è fondamentale definire in maniere concisa, ma chiara, la propria mission, il prodotto/servizio offerto e gli obiettivi che si intende raggiungere, cercando di accattivarsi l’attenzione di coloro ai quali verrà presentato il documento.

 

Layout poco leggibile: nonostante la cura grafica del business plan sia importante, in quanto, si sa, anche l’occhio vuole la sua parte, è fondamentale non farsi prendere troppo la mano, evitando quello che è uno degli errori più comuni che si commettono: rendere il business plan troppo carico di immagini e icone da renderlo illeggibile.

 

Analisi del mercato carente: spesso gli imprenditori, nella redazione del business plan, tendono ad effettuare delle analisi di mercato insufficienti e superficiali, non analizzando nel dettaglio la nicchia di riferimento cui si rivolgeranno, i trend, le dimensioni della stessa e i competitor diretti e indiretti che operano all’interno.

 

Linguaggio non comprensibile: un altro errore comune nella redazione del business plan è quello di utilizzare un linguaggio non comprensibile agli interlocutori ai quali lo stesso verrà presentato. Bisogna comprendere che coloro ai quali ci rivolgeremo con il documento non hanno la stessa nostra conoscenza del progetto o del settore di riferimento, perciò è necessario non dare nulla per scontato e utilizzare un linguaggio il più chiaro possibile.

 

Proiezioni finanziarie troppo ottimistiche: spesso si tende a sopravvalutare la capacità del proprio business di generare flussi di cassa, magari sottostimando i costi o prevedendo una crescita dei clienti troppo elevata o troppo rapida. Questa sopravvalutazione dei risultati è spesso malvista dagli investitori. Ogni proiezione dovrebbe essere collegata ad opportune azioni operative che si valutano di mettere in atto per il raggiungimento del risultato futuro ottenibile.

 

Per altre utili informazioni sui contenuti del business plan visita clicca qui